A.L.I.C.E. onlus
blog & news

Ora legale e rischio di ictus


A cura del dr. Giuseppe D’Alessandro - Neurologo


Secondo la maggior parte degli economisti sarebbero circa 92,6 i milioni di euro risparmiati spostando in avanti di un’ora l’orologio all'inizio della primavera. Ciò è vero se il calcolo è riferito soltanto al risparmio energetico. Tuttavia, quando si tiene conto anche delle conseguenze negative che tale variazione comporta sul nostro organismo, le certezze vacillano e il bilancio è addirittura negativo secondo alcuni. Di solito il nostro corpo richiede alcuni giorni per adattarsi al nuovo orario. Alcune persone, i cosiddetti gufi, cioè i soggetti che tendono già in condizioni normali ad andare a letto più tardi, perché hanno l’orologio biologico spostato in avanti, impiegano anche alcune settimane. Il risultato è che si perdono in questa fase di adattamento 1 o 2 ore di sonno. Si va incontro quindi da una parte sicuramente ad una deprivazione di sonno e dall'altra ad una più che probabile ridotta qualità o frammentazione del sonno, in altre parole a quella condizione che viene indicata col termine scientifico di insonnia. Le conseguenze sulla salute dell’insonnia sono stanchezza al risveglio, irritabilità, ansia, umore depresso, difficoltà di concentrazione, disturbi di memoria, cefalea e sonnolenza. Il che significa ridotta produttività al lavoro, scarso rendimento a scuola, aumento del consumo di antiemicranici, ipnotici, antidepressivi, più incidenti automobilistici, aumento degli accessi in pronto soccorso, ricoveri e visite mediche. Diversi studi pubblicati su importanti riviste scientifiche internazionali hanno documentato nei giorni successivi all'entrata in vigore dell’ora legale un aumento anche fino al 10% di alcune malattie tra cui ipertensione arteriosa, diabete, obesità, infarto miocardico e ictus cerebrale ischemico. Queste due ultime malattie hanno già di base un esordio correlato alle fluttuazioni giornaliere. Infatti insorgono più frequentemente al mattino nella fase del risveglio e il Lunedì. Queste fluttuazioni sono dovute ad un aumento dell’attività simpatica, dello stress e dei fattori protrombotici. La variazione dei ritmi biologici causate pertanto dall’ora legale influenzando l’orologio circadiano dei cardiomiociti (cellule cardiache) causerebbero l’insorgenza di alcuni stati di malattia cardiovascolare. Per saperne di più digitare su qualsiasi motore di ricerca le seguenti parole: effect on health of daily saving time