A.L.I.C.E. onlus
blog & news

Aperitivi Neuroscientifici: colesterolo



Si è svolto martedì 4 marzo presso la sede dell'associazione in Via Lucat 2 ad Aosta l’incontro previsto nell’ambito della serie “Aperitivi neuroscientifici” organizzati da ALICe Ictus VDA dedicato al colesterolo. Di seguito riportiamo una sintesi dell’argomento trattato.

Colesterolo: non basta dire solo no.   A cura del dr. Giuseppe D'Alessandro

E’ importante mantenere i livelli di colesterolo entro i limiti consigliati. Se  poi sono presenti altri fattori di rischio per malattie vascolari bisogna prestare ancora più attenzione soprattutto se di tratta di  colesterolo cattivo. Il colesterolo in eccesso può depositarsi nelle pareti delle arterie e in particolare delle coronarie e delle carotidi e ostruendole provocare  a seconda di quella  interessata un infarto del cuore o del cervello, con le conseguenze che tutti possiamo immaginare.A parte i pochi casi legati a fattori genetici, il colesterolo alto di solito è dovuto ad un’alimentazione scorretta. Infatti,  nelle popolazioni mediterranee, come già aveva notato negli anni 60  il fisiologo e nutrizionista americano Ancel Keys,  padre della dieta mediterranea,  dove questa è più bilanciata a favore di cereali, verdure, legumi, olio di oliva, pesce piuttosto  che  carne o grassi di origine animale, sia i livelli di colesterolo che la frequenza delle  malattie cardiovascolari sono bassi.I livelli di colesterolo sono espressi  in milligrammi (mg) per decilitro (dL) e il profilo o assetto lipidico è l’esame del sangue che li misura. Con questo esame,  che va eseguito sempre dopo un  digiuno di almeno 12-15 ore, si valutano  pertanto i livelli del colesterolo totale, cattivo (LDL), buono (HDL) e dei trigliceridi.I valori consigliati dei vari tipi di colesterolo dipendono, come avevo già accennato la volta scorsa, parlando di ipertensione, dal rischio globale cardiovascolare. Per esempio nelle persone ad alto rischio, cioè quelle che hanno già avuto un infarto miocardico o un ictus o che soffrono di diabete o che invece hanno due o più dei seguenti fattori di rischio, quali  l’ipertensione, il fumo, i bassi livelli di colesterolo buono, la familiarità per attacchi cardiaci giovanili o l’età maggiore di 45 anni negli uomini e 55 nelle donne,  i livelli di colesterolo ottimali dovrebbero essere  inferiori a 200 mg/dL per quello totale e a 70 mg/dL per quello LDL. Invece, nelle persone a basso rischio sono accettabili valori di colesterolo  LDL compresi tra 100-129 e per quelle  a rischio medio valori inferiori a 100 mg/dL.  Per quanto riguarda il colesterolo buono i valori ideali dovrebbero essere almeno 40-49 negli uomini e 50-59 nelle donne.In sintesi livelli alti di colesterolo LDL significano alto rischio, mentre livelli alti di colesterolo LDL rischio basso. Non sempre è necessaria una  terapia farmacologica per normalizzare i livelli del colesterolo. Cambiare le abitudini alimentari e lo stile di vita sono sufficienti al raggiungimento dell’obiettivo già dopo pochi mesi. In altre parole, per dirla col dr. Keys, non dieta ma “Mangiar bene per stare bene” titolo di una delle sue tante pubblicazioni al riguardo (Eat well, stay well ) e soprattutto mangiare poco.In conclusione anche per il colesterolo valgono le raccomandazioni espresse per gli altri fattori di rischio.Tuttavia, in caso di dubbi può essere di aiuto memorizzare il numero 0530-13080100, che non è un numero verde, come si potrebbe pensare a prima vista, ma il consiglio tradotto in numero di una buona prevenzione (0 fumo, 5 porzioni al giorno tra frutta e verdure, 30 minuti di attività fisica moderata almeno 3 volte a settimana, 130 i valori della pressione arteriosa sistolica, 80 di quella diastolica e 100 i valori di colesterolo cattivo).Link utili per calcolare il rischio di sviluppare eventi vascolari:https://escol.escardio.org/heartscore/calc.aspx?model=europelowhttp://www.cuore.iss.it/sopra/calc-rischio.asp